Tempo di lettura: 4 minuti

Dopo qualche settimana di utilizzo dello Xiaomi Redmi Note 8 Pro (in colorazione bianca perlata cangiante, una figata) posso affermare che è uno smartphone davvero, davvero ottimo.

I motivi sono tanti: per prima cosa il prezzo che è assolutamente abbordabile (259 Euro il prezzo ufficiale nello store online Xiaomi) e, in seconda battuta, tutte le caratteristiche tecniche che sono di prim’ordine.
Aggiungo poi alcuni motivi personali, che comunque hanno avuto un peso decisivo nella scelta di questo dispositivo:

  • per prima cosa, mi sono davvero stancato degli altri marchi (Samsung e Apple in primis, che ormai hanno innalzato così tanto i prezzi dei dispositivi di fascia alta da risultarmi antipatici);
  • in secondo luogo, la presenza di piccoli dettagli non di poco conto (per me), per esempio la tanto bistrattata radio FM o la porta a infrarossi;
  • infine, la presenza di aggiornamenti costanti del sistema MIUI e la possibilità di sbloccare il dispositivo per eseguire rooting e modifiche varie, senza troppi vincoli o problemi.

Fotografia

Il comparto fotografico è composto da ben quattro (4!) fotocamere posteriori: la fotocamera principale da 64 MP (credo sia una delle più potenti in circolazione anche rispetto agli smartphone di fascia alta), un grandangolare da 8MP, una dedicata alla macrofotografia da 2 MP e infine la camera di profondità, sempre da 2 MP.

Il software della fotocamera si occupa di scegliere la fotocamera idonea al tipo di foto in base agli algoritmi di intelligenza artificiale e alle scelte dell’utente; presente la possibilità di registrare in 4K e in slow motion FHD a 120fps, mentre a 720p si può registrare fino a 960fps (ultra slow motion).

Se volete leggere tutte le specifiche e le modalità presenti, vi consiglio di fare un giro sulla pagina ufficiale del prodotto, mentre io, in soldoni, vi dico che le foto vengono benissimo, anche in condizioni di luce non ottimali e con soggetti in movimento. I video, manco a dirlo, sono fluidissimi e ben definiti e per me, la fotocamera è promossa con un bel 10 e lode.

Ah si, la fotocamera frontale è da 20 MP e anche lei si comporta egregiamente. Lo dico “giusto per”, io non faccio selfie.

Video e audio

Lo schermo è bello grande, 6,53 pollici, luminoso e definito, e con il simpatico “notch” che racchiude la fotocamera frontale da 20 MP. Si vede benissimo anche sotto l’illuminazione diretta del sole.

La resistenza è garantita dalla tecnologia Gorilla Glass, ma per sicurezza io ci metto sempre una pellicola in vetro in più: non si sa mai…

La parte audio è abbastanza potente e definita, e come al solito (vale per tutti gli smartphone dell’universo), la mancanza dei bassi si sente. Però insomma, fa bene il suo dovere.

La registrazione con il microfono è chiara e definita; con gli operatori telefonici supportati, è possibile la modalità VoLTE, che garantisce una chiarezza e una definizione maggiore dell’audio in chiamata.

Batteria

La batteria da 4500 mAh è davvero imponente: utilizzandolo in modo normale, senza lunghe sessioni sui social network o videogiochi, la durata si è assestata intorno ai 3 giorni, con la batteria al 15% verso la sera tardi; utilizzandolo in modo più intenso, con sessioni sui social e qualche videogioco, si è arrivati comunque alla fine del secondo giorno con il 20% della batteria a tarda sera.

Ora, se lo scopo principale dello smartphone è il videogaming, è ovvio che queste statistiche non saranno veritiere per voi, ma quasi sicuramente non avrete una durata inferiore ad un giorno intero anche in caso di utilizzo intenso. Inoltre, proprio a proposito del gaming, la tecnologia di liquid cooling (raffreddamento a liquido) adottata da questo smartphone sembra essere efficace, in quanto dopo ore di uso non ho sentito altro che un lieve tepore nella parte posteriore del dispositivo.

Il connettore di ricarica è USB-C e supporta la ricarica rapida a 18W. In effetti, per passare dal 10% al 100% serve poco più di un’ora… forse un’ora e mezza, va.

Sistema operativo

MIUI è un’ottima variante di Android: bella, ben progettata, ricca di funzioni e sostanzialmente adatta ad essere usata “così com’è”, senza grosse modifiche. Io, solitamente, prima di accendere un qualsiasi smartphone ho già pronto il nuovo sistema operativo che andrò a montare (di solito, Resurrection Remix), ma in questo caso ho preferito dare fiducia a MIUI per vedere se, tutto sommato, le mie esigenze potevano essere soddisfatte (rooting a parte, che non ho ancora eseguito su questo smartphone).

La risposta è si: il sistema è veloce, stabile, ricco di funzioni e di personalizzazioni. Gli aggiornamenti sono abbastanza frequenti e risolvono i (pochissimi) problemi che si possono incontrare. Davvero, nulla da dire.

Varie ed eventuali

Elenco in ordine sparso le altre cose positive a proposito di questo cellulare:

  • è dual SIM (quasi scontato, ma vale la pena dirlo);
  • ha la connettività NFC ed è compatibile con Google Pay;
  • possiede la porta ad infrarossi, utile per comandare televisori, condizionatori ecc… la app di sistema XiaoMi Remote è ottima;
  • possiede anche la vetusta, antichissima, fedelissima radio FM;
  • all’interno della confezione c’è una custodia TPU trasparente, molto utile (ma non c’è il vetro di protezione per il display, quello va comprato a parte);
  • sempre in dotazione, c’è ovviamente il cavo USB-C e il caricabatteria;
  • la colorazione bianca perlacea cangiante è fichissima;
  • ha la modalità di sblocco con l’impronta digitale e con il riconoscimento facciale;
  • ha la classica porta per auricolari con jack da 3,5 mm (olè!);
  • se lo mettete di fianco ad un iPhone Max, è probabile che lo scambieranno per quest’ultimo; fate attenzione al vostro Xiaomi, non fatevelo sostituire con uno stupido iPhone 😉

Conclusioni

Un acquisto azzeccato, fatto direttamente dal sito Xiaomi Italia che, oltretutto, dichiarava una settimana per la spedizione ma in realtà ci ha messo solo 3 giorni. Grazie.

Questo bestione è andato a sostituire un Samsung Galaxy 7 che, in effetti, ha fatto il suo lavoro egregiamente e del quale non posso dir nulla di male ( a parte il fatto che, per farlo lavorare in modo decente, ho dovuto sostituire il sistema operativo con qualcosa di migliore, ma soprassediamo…).

In conclusione, per il modico prezzo di 259 Euro, questo Note 8 Pro si è rivelato un’autentica bellezza, potente e ben realizzato. Brava Xiaomi!

 

Hai letto fin qui? Sul serio? Allora forse ti sono stato utile!

Pin It on Pinterest

Condividi!

Dillo in giro